Monsters & Co.


Quanta gente vedete in giro “dritta”? Te sei dritto? I tuoi clienti sono dritti? Per capirci meglio se te li guardi nelle tre dimensioni non c’è niente che non va? Attenzione io parlo di quello che vedi e non di quello che tu/loro percepite. Io vedo solo gente che assomiglia a La Cosa (quella dell’82 eh, quella di Carpenter), non necessariamente con le zampe che gli escono dal cranio ma che non sta nemmeno in una posizione che definirei felice o comoda. Come valutiamo se sto transformer sta messo bene o male? Perché dolore non c’è mica sempre, anzi.

“Oh sto Hip Thrust è fantastico per i glutei”

Claudio Baglioni


Ora se sei un po’ curioso ma proprio un po’ ti sei guardato allo specchio oppure ti sei andato a cercare qualche foto e/o video di quando ti alleni… ti prego dimmi almeno che hai guardato un cliente, n’amico! Che hai visto? Allora lo vedi che sei storto? La mia domanda è: se ti guardi e ti accorgi che c’hai il bacino rispetto alla gabbia toracica nella posizione di uno che gli hanno fatto una fatality (e questo è un esempio eh, perché le fatality mica so tutte uguali) perché continui a fare finta di niente? Perché non c’hai dolore! Quindi GIUSTAMENTE perché andare a svegliare il cane che dorme? E’ un discorso che fila, non scherzo. Se mi capita un atleta che si trova impegnato nella stagione agonistica e quindi coinvolto in gare, allenamenti ecc… non vado a complicarmi la vita da solo. Ma finirà sto periodo prima o poi, no? Quanto ve pensate che dorme il cane? Poco.

“Na volta avevo tutte le cassette di Baglioni, quanto mi piaceva! Bravo così schiena dritta, adduci adduci adduci. Bravo” Cit. mia mentre faccio una seduta di personal training

Se vedemo al centro, verso le 21


Nessuno si sente “storto” e di questo dobbiamo ringraziare il nostro sistema nervoso. Dobbiamo ringraziarlo? Le posizioni che assumiamo per fare determinate cose come allenarci o lavorare finisce che prima o poi diventano una dolce abitudine e li si crea il problema. E’ un problema? Quando ci “fissiamo” in queste posizioni il nostro cervello che è “grande, grosso e frescone” (trittico di parole utilizzato nei peggiori bar di Caracas quando il Pampero fa effetto e la gente vuole litigare) pensa che quasi quasi ti conviene rimanere così come stai in barba (è il momento tecnico dell’articolo) alle curve fisiologiche del rachide, alla capacità di rotazione toracica, la mobilità delle spalle e delle anche ecc… Se il binomio cervello / sopravvivenza è vero allora tutto torna! Ed eccoti qui nel tuo nuovo “centro” dove nessuno ti verrà a rompere i coglioni! E invece no come ha detto la Pausini perché può succedere qualcosa di molto, molto interessante. Paura eh?

“Nella puntata di oggi scopriremo perchè nei peggiori bar di Caracas che stanno in Venezuela parlano italiano” P. Angela

Io ti correggo in nomine Patris, et Vilii, et Spiritus Sancti


Sopravvivenza = minaccia. La minaccia è causata da un’azione alla quale per forza di cose deve corrispondere… no dai non lo scrivo. Se ti dicessi che l’allungamento di un muscolo è visto dal tuo cervello come una minaccia che mi risponderesti? Ok, a parte quello. Se in questo caso specifico il tuo cervello per difendersi utilizzasse una contrazione muscolare ossia l’esatto opposto che mi risponderesti? Però sei maleducato. Avere la gabbia toracica sopra la pelvi e la capoccia sopra la gabbia toracica sarebbe cosa buona e giusta e quando questo non accade qualcosa s’è allungato troppo (no, purtroppo no) e quindi altro s’è accorciato troppo. Ma per il tuo cervello sei al “centro” e probabilmente se non rispetti quello che potrebbe essere l’elemento base della sopravvivenza per provare a mettere al loro posto le cose il risultato finale sarà… il dolore! Ti faccio un esempio, pensaci: sono anni che hai il bacino spostato verso destra e la gabbia toracica dalla parte opposta (visto da davanti) e questo per il tuo cervello è il tuo centro. Ora immagina di rimetterti “in linea” utilizzando un qualsiasi esercizio adatto allo scopo: se per il tuo cervello era ormai normale avere la pelvi in shift a destra portandola al centro non l’hai messa al centro ma a sinistra! Stesso discorso per la gabbia toracica. Lo so che non dovevo dirtelo così ma questo è il blog. Tranquilli però perchè ci sono sempre due opzioni e c’è il Mentorship dove tutto questo giochino viene sviscerato in maniera approfondita e dove ti rispiego le cose settecentododicimila volte finché non si mescolano con il tuo tessuto neurologico perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te io si, che avrò cura di te (cit.)


62 visualizzazioni0 commenti