Episodio Pilota

Aggiornamento: 23 nov 2021


Edizioni Decorticate, 2059 all rights reserved

Neurorevolution begins


Non ho mai scritto un blog il che potrebbe farti desistere dal continuare a leggere. Cosa che ti consiglio di fare se hai cercato la voce "tempo di lettura". Una volta sul manuale di una delle mie certificazioni ho scritto: "Neurorevolution Level 1 - Il manuale che perderai lunedi mattina", e infatti. A quei tempi (detto cosí sembra chissà quanto tempo sia passato) Neurorevolution e i suoi contenuti erano diversi. Anche io lo ero! Poi ad un tratto il rapporto tra me e il neuroMe ha cominciato a essere disfunzionale tipo le formazioni reticolari quando fanno il cazzo che gli pare e tu hai 6k problemi e gli dai giú di neuro forte perché se mandi gli occhi a destra con un movimento a scatto, il lobo... si si, certo: facciamo un passo indietro. Nell'ormai lontano (?) 2012 prendeva vita Neurorevolution precisamente a Via di Capitan Bavastro sulla circonvallazione ostiense dove c'era l'ufficio marchi e brevetti. Ci giravo intorno da un po (no all'ufficio, all'idea), avevo fatto il mio secondo workshop in Slovenia e il cielo cominciava a tingersi di carioca. In Italia era tutto tabula rasa c'era zero interesse per le neurocoglionate e io venivo spesso messo in mezzo e preso per il culo. Ci sta, anche adesso. Ma non mi sono mai curato molto di certi meccanismi e ho tirato dritto per la mia strada. Il neurotutto si era impossessato di me e alcune volte in tutta sinceritá non so neanche io come le cose abbiano funzionato. Dai parliamo di sistema nervoso, non scherziamo.



GPS


L'acronimo GPS accompagna la vita di tutti i functional neurology guys (FNG) del sistema solare da sempre, PER sempre. Il telefonino cervelletto, i tre satelliti visivo/vestibolare/propriocettivo che fanno il triangolo e ti portano a spasso facendoti evitare i pericoli della vita, poi il telefonino non prende più e allora ti muovi peggio/male/dolore ecc… ecc…


"Mica ho capito come funziona sto cervelletto" D. Pinto

L'acronimo GPS é stata la mia premonizione: "Guarda Pinto... Smettila". Oh le prioritá ci stanno ma forse sta cosa l'ho un po sopravvalutata. Daniele perdonami; tu insegni Neurorevolution e niente più GPS? Niente più “vie qua che te faccio fa er visivo”? E’ un esempio questo (in settordicesima persona) di una delle cose che mi hanno chiesto ultimamente, e la mi risposta è stata sempre la stessa: “ma saranno cazzi miei?” (cit. Elio). Sto dicendo che i “drills” neuro visivi e/o vestibolari non servono a nulla? No. Sto dicendo che queste benedette priorità girano si, ma al contrario. E’ un’idea che nasce da una vera e propria esigenza: non sentirsi più frustrati. La neurofrustrazione per essere precisi, quella della big session dove prendi two birds with one stone facendo il drillone fotonico che tieni gli occhi puntati qui, gira la testa la, alza le mani e cielo e poi… e poi finisce la sessione e il cliente ti dice “mi sento proprio bene”.


Biomeccanica avanzata che regazzì vai a giocà da un’altra parte che la spiaggia è lunga

"Non ce vedo so storta e c'ho 109 anni. Che vita di..." G. Colmenares

Il mio problema nasce quando mi si presenta il cliente che vive nella meccanica spinale di Topazio. Porella era pure cieca (e qui scatta il neurodibattito) ma era storta, termine tecnico che ci porta al dunque: se quando stai “dritta” sembra che stai parlando con il gatto e gli fai le vocine girando il cranio tipo esorcista, cosa ci lavoro a fare con gli occhi? “A scemo, guarda che era cieca…”. Topazio si ma Grecia Colmenares no. Ora nella migliore delle ipotesi (guardate la foto) Topy ha gli occhi orientati in basso verso destra che potrebbe rappresentare un problema per:

  1. il superiore obliquo e il suo omologo Trocleare (IV°)

  2. il canale vestibolare posteriore sinistro

Vogliamo scommettere i famosi orecchini che se a Topy gli faccio fare un movimento oculare o vestibolare che coinvolge il canale anteriore destro otteniamo l’effetto “ma come hai fatto???”. Datemi gli orecchini, adesso. Se sei storto come Topazio e in una qualunque misura lo sei, l’effetto di certi esercizi ha la durata “di un battito d’ali di un colibrì. Nessuno sa di averlo visto, ma l’hanno visto”. (cit. T. Durden)



Zozza Mary pazzo Gary


Tirando le somme il corpo prende in ostaggio il cervello il quale si, paga il riscatto (vi allenate no?), ma nello stesso tempo vi crea una serie interminabile di problemi. Ragioniamo insieme: è il caso di prendersela con la vittima in tutta questa storia? Direi di no, o almeno non subito. Partire dal sistema propriocettivo è nettamente più semplice! Ok non lo dovevo dire, giusto. Partire dal sistema propriocettivo è molto meno confusivo! Si dice? Il GPS lo abbiamo cappottato fregandocene delle priorità standard crogiolandoci nella tana del bianconiglio. Neurorevolution adesso parte dalla biomeccanica (oh ma chi lo conosce, se lo ricorda il ritmo articolare??) avvicinandosi furtivamente al sistema nervoso e… zacchete!

"Ancora che stai a pensa' alla neurologia funzionale... Ciao grande!" G. Pazzo

Facciamo il punto:

  1. Grecia Colmenares mi chiama dicendomi che gli ha dato il numero il figlio del fruttarolo del mercato dove compro i tenerumi di cucuzzella, lamentando un dolore al gomito che gli impedisce di fare la vita che vorrebbe (era cieca, pure er gomito no eh!)

  2. La incontro e le chiedo come posso aiutarla, nel frattempo la osservo e… NOOOO! Che guardi, fai i test

  3. Ho fatto i test e gli occhi dicono una cosa il vestibolo un’altra ma non importa e je dai giù de botto senza ritegno (e senso) di assessment

  4. Come va? Va meglio? Peggio? Quanto peggio? Però un po è migliorato no? Ah no? Vabbè stai così dai tempi della telenovela ci può stare

  5. La seduta costa X euro e quindi non è che sta poveraccia può venire più volte questo mese quindi GLI LASCIO GLI ESERCIZI DA FARE A CASA

Se fate questo mestiere da un po di anni lo conoscete bene il resto della storia. Se a Grecia gli fa male il gomito molto probabilmente un lato della sua GABBIA TORACICA assomiglia più a un super santos bucato che a una GABBIA TORACICA.


"Il tango era mejo" Mao Tse Tung



Quando Topy non lamenta più un problema così tossico e persistente e può ricominciare a giocare a padel solo allora posso cominciare a ragionare su tono flessore / estensore, mesencefalo, ponte, campi frontali visivi ecc… ecc…







Pubblicità progresso


E’ il momento “il blog è mio e me faccio pubblicità”. Piccolo e grande schermo a parte c’è una sequenza assai logica in Neurorevolution che copre nella maniera più semplice possibile tutti gli aspetti del GPS. E’ una cosa che vale per tutti, per Grecia e per Gary, per il figlio di Aldo il fruttarolo, per l’atleta professionista e l’amatore. Questa rivoluzione della neurorivoluzione mi ha portato a creare un mentorship che ho chiamato “Acrylic Cloud”. Perché questo nome? L’acrilico è l’unico tipo di pittura che non consente sfumature. Neurorevolution è un sistema integrato veramente dalla A alla Z. Se vuoi saperne di più invia una mail all'indirzzo che trovi in fondo alla pagina. Se invece non te ne frega niente nel prossimo articolo parlerò del ritmo articolare e del contenuto della valigetta di Marsellus Wallace. Preparati a entrare in un mondo nuovo dove la pillola rossa, è alla fragola. Ah dimenticavo, se l'articolo che hai appena letto ti è piaciuto condividilo!

"Il sistema economico fondato sulle Jelly Bean e' di gran lunga inferiore all'impulso produttivo delle Ziguli'" G. Tremonti

319 visualizzazioni2 commenti